Perche' non riesco a trovare la mia strada nella vita?

Della serie: “So quello che non voglio ma non so quello che voglio”.
Hai 27 -28 anni o forse hai superato da tempo la trentina, eppure non sai ancora cosa vuoi dalla vita, (ma sai benissimo quello che non vuoi). Oppure, hai tanti sogni e aspirazioni ma questi sono vaghi e confusi: un mese vuoi aprire un bar a Cuba, il mese dopo pensi di riprendere l’università, il mese dopo ancora hai già abbandonato l’idea di continuare gli studi e sogni una carriera nel mondo dello spettacolo.

Detesti la noia, la routine, l’eccesso di responsabilità, le banalità e sogni una vita avventurosa, libera, piena di amicizie, di amore e di divertimento, ma non riesci a concretizzare le tue aspirazioni e ti limiti a vivere alla giornata senza fare alcun progetto (serio) per il futuro.

Intanto gli anni passano e la tua vita rimane quella di sempre: abiti con i tuoi genitori dai quali dipendi economicamente, fai qualche lavoretto giusto per pagarti i tuoi sfizi, magari provi a dare qualche esame all’università (senza troppa convinzione). E intanto sogni che un giorno succederà qualcosa, la tua situazione si sbloccherà e il mondo capirà finalmente quello che vali?

Se ti sei riconosciuto in questo ritratto, sei in buona compagnia: a causa dei cambiamenti sociali e della precarietà del mondo del lavoro, questa condizione riguarda un numero crescente di giovani.

Giovani che sono anagraficamente adulti ma che vivono in una prolungata condizione di adolescenza con tutti i vantaggi e svantaggi che questo comporta.

Eterni Adolescenti
Alcune persone hanno per la loro vita dei desideri e delle mete ambiziose, ma non si limitano a sognare. Sanno che realizzare i propri sogni non richiede solo coraggio, talento, creatività e una buona dose di fortuna: sanno che per ottenere quello che vogliono dovranno pagare un prezzo e sono disposti a farlo. Sono consapevoli, infatti, che per realizzare le proprie aspirazioni bisogna avere autodisciplina, spirito di sacrificio, capacità di perseverare quando le cose si fanno difficili , oltre che una buona capacità di pianificazione.

Tutte qualità che nel eterno adolescente sono scarsamente sviluppate. Quando l’eterno adolescente sogna qualcosa, vede solo i lati positivi del suo progetto: per esempio, se desidera aprire un attività in proprio, immagina di essere più libero rispetto ad un lavoratore dipendente, di guadagnare di più, e di poter avere un maggiore prestigio sociale. Mentre, non riesce a valutare che il suo progetto richiede un impegno molto maggiore rispetto ad un normale lavoro, ritmi lavorativi più duri, e quindi per qualche anno meno libertà e meno guadagni.

Spesso, nei progetti “dell’adolescente cronico” c’è un elemento di fuga dalla realtà : si privilegiano certe carriere ( per esempio, carriere artistiche o nel mondo dello spettacolo) , non tanto per amore dell’arte, ma quanto per un desiderio di distinguersi dalla massa e di scegliere un ambito lavorativo in cui non valgono le solite regole di un normale lavoro. Si è attratti da un certo tipo di carriera perché si immagina che si sarà esonerati dalle regole, dall’obbligo di essere puntuali, di vestirsi in un certo modo, di fare la gavetta, di obbedire agli ordini di un capo. In altre parole, si sogna di poter fare quello che si vuole, come lo si vuole e , nel migliore dei casi,di ottenere in breve tempo, grandi soddisfazioni e facili guadagni.

Ma quando il sogno si scontra con i limiti della realtà e ci accorge che le cose non sono così facili e piacevoli come si riteneva dovessero essere, si abbandona il progetto e si riparte verso un altro sogno.

Perché non riesco a capire quello che voglio?
In questo paragrafo, esporrò brevemente alcune cause psicologiche e sociologiche che possono essere alla base di un adolescenza prolungata. Ovviamente, si tratta di un tema complesso che non è possibile affrontare in modo esauriente in un articoletto. Ricordo anche che il disagio psicologico ha molte cause che dipendono dalla storia individuale e quindi non è sempre possibile generalizzare…

La paura di prendere la decisione sbagliata…
Rispetto ad un tempo, la nostra società ci offre molteplici possibilità di autorealizzazione personale: possiamo decidere dove abitare, che cosa studiare, che lavoro fare, se sposarsi, se avere dei figli, quanti figli avere e quando.

Ma allo stesso tempo, questa pluralità di scelte può generare ansia : diventa difficile capire fra le molte alternative possibili qual è la più adatta a noi.

Molte persone faticano a prendere una direzione nella vita perché sanno che scegliere una strada vuol dire rinunciare ad un altra e hanno paura di perdersi qualcosa di bello o di non aver fatto la scelta migliore possibile. Questo atteggiamento è particolarmente evidente nelle persone che passano da una relazione sentimentale all’altra: si chiedono se devono cercare di costruire qualcosa con l’attuale partner o cercare un partner migliore.

Molte persone non fanno delle scelte ben precise né in campo sentimentale né in campo lavorativo perché desiderano inconsciamente lasciarsi tutte le porte aperte, sia per paura di fare la scelta sbagliata sia per avere una via di fuga nel caso la situazione diventasse difficile o noiosa.

L’incapacità di fare i conti con i propri limiti
La difficoltà di fare delle scelte definitive sia in campo professionale che in campo sentimentale si basa sull’ incapacità di tollerare i limiti.

Un atteggiamento psicologico diffuso nella nostra società: una società dominata dal mito che ciascuno sia l’artefice del suo destino e che se una persona si impegna abbastanza, può raggiungere nella vita qualsiasi traguardo si sia prefissato , non importa quanto ambizioso possa essere.

Sin da bambini, ci viene comunicato il messaggio che se lo vogliamo veramente, possiamo diventare quello che desideriamo : il presidente della repubblica, un personaggio dello spettacolo ricco e famoso, un calciatore della serie a, lo scopritore del vaccino contro il cancro, una donna bellissima ed eternamente giovane.

Ad una persona giovane, la vita sembra offrire illimitate possibilità. Ma questo ventaglio di scelte è più teorico che reale: di fatto l’università è diventata una fabbrica di disoccupati, il mondo del lavoro è sempre più esigente e competitivo, emergere è sempre più difficile.

Molte persone scelgono delle carriere impegnative, facendo i conti più con i loro desideri che con le possibilità del mondo del lavoro e con le loro reali capacità personali.

Questo tipo di persona si orienta verso professioni straordinarie con capacità solo ordinarie. In alcuni casi ci può essere anche il talento, quello che manca è l’autodisciplina, la capacità di perseverare quando le cose sono difficili, la capacità di sacrificarsi per ottenere i propri obiettivi.

Ma soprattutto manca la capacità di mediare fra le propri desideri che vengono considerati prioritari e la realtà.

La paura di fallire
Chi si pone degli obiettivi troppo ambiziosi rispetto alle sue reali capacità e chi invece vive alla giornata, non ponendosi nessun obiettivo sono spesso accomunati dalla paura del fallimento. Chi punta troppo in alto, può avere la scusa di non esserci riuscito: dopotutto quanti riescono a diventare veline, calciatori, personaggi dello spettacolo, scrittori di successo, magistrati? Chi invece non riesce a capire quello che vuole e quindi non intraprende nessuna iniziativa, evita il pericolo di poter fallire. Dopotutto, è meglio pensare di non aver avuto il coraggio di fare quello che si voleva, che averlo avuto e scoprire che le proprie capacità non sono così grandi come quelle che si pensava di avere.

A volte, passare da un progetto ad un altro, non portandone a termine nessuno ( e quindi fallendo nella vita) può essere un modo inconscio di ribellarsi alle aspettative eccessive di un genitore.

Come trovare la propria strada nella vita
Non è facile uscire da uno stato di immobilismo. Molte persone rimandano delle scelte nel timore di sbagliare, ma non si rendono conto che non scegliere significa già fare una scelta. Il nostro futuro è quello che ci costruiamo con le scelte che facciamo tutti i giorni. Detto in altre parole: se hai superato i 30 anni, vivi con i tuoi genitori, non hai mai avuto un esperienza lavorativa significativa, ma ti accontenti di lavoretti senza sforzarti seriamente di raggiungere l’indipendenza economica, il tuo futuro rischia di essere difficile.

Se hai 34-35 anni, nessuna esperienza lavorativa decente, nessun legame sentimentale importante e nessuna idea di che cosa fare della tua vita, potresti aver bisogno di aiuto professionale per uscire dalla tua situazione. Nel prossimo paragrafo troverai alcuni consigli utili.

Prendi la responsabilità della tua vita
Molte persone che non riescono a trovare la propria strada nella vita, hanno un atteggiamento un po’ fatalista nei confronti della loro esistenza: sentono che un giorno, all’improvviso, tutto cambierà e finalmente avranno il successo che meritano. Intanto vivacchiano, sognando il giorno in cui le loro sorti si ribalteranno. Ma nella vita le cose bisogna conquistarsele giorno per giorno. E quello che sarà il nostro domani , lo costruiamo oggi con le nostre scelte. In altre parole, se vuoi che i tuoi sogni si realizzino: datti da fare!

Traduci i tuoi sogni in progetti
Ti senti soffocare al pensiero di trascorrere tutta la tua vita in un ufficio? Il tuo sogno è quello di diventare un cantante rock, uno scrittore o qualunque altra cosa ? E sei sicuro che nella vita vuoi fare proprio quello? Allora, non limitarti a sognarlo: cerca di tradurre il tuo sogno in un progetto.
Chiediti: che abilità ci vogliono per raggiungere il mio obiettivo? Quali abilità possiedo già e quali invece dovrei migliorare o acquisire ex-novo? Che passi devo fare per diventare un cantante (es, suonare nei locali, dare dei concerti gratuiti, fare pubblicità su un sito, far sentire un CD ad un impresario, ecc)?
E’ importante stendere un progetto nel modo più concreto e dettagliato possibile: contemplando costi, passi da fare e scadenze. E’ di fondamentale importanza darsi una data di scadenza entro la quale sfondare e se non ci si riesce entro il termine prefissato, ripiegare su qualcosa di più concreto.

Se tutti i tuoi tentativi non hanno avuto successo, devi avere il coraggio di ammettere che forse hai scelto una strada troppo difficile o comunque non adatta a te.

Fai progetti a lunga scadenza
L’eterno adolescente vive alla giornata, senza pensare al futuro , in armonia con una società caratterizzata da una sempre maggiore instabilità. Non sapendo che cosa fare della sua vita, si lascia trasportare dalla corrente: è iscritto all’ università , ma dà solo uno o due esami all’anno, fa qualche lavoretto, tenta fiaccamente di fondare nel mondo dello spettacolo o della musica. Purtroppo, però, gli anni passano ed è facile ritrovarsi a 30 anni senza aver concluso niente, con tutte le conseguenze che questo comporta.

Sii realistico
La vita non offre illimitate opportunità: ci sono vincoli temporali, economici, legati al mondo del lavoro, di cui tener conto. Molte persone rifiutano un lavoro perché non perfettamente è in linea con le loro aspettative ( per esempio, è lontano da casa) o ambiscono a carriere che con il loro curriculum vitae potranno difficilmente ottenere. Tutto bene se una persona ha molte opportunità professionali fra cui scegliere, ma in caso contrario, bisogna imparare ad accontentarsi, cercando però, di migliorare la propria posizione. E’importante avere un lavoro che ti piaccia, ma è ancora più importante avere un lavoro che ti consenta di mantenerti !

Non aspettare di sentirti pronto per prenderti le tue responsabilità
Alcune persone non hanno la minima idea di che cosa fare della loro vita. E così rimandano nell’attesa di avere una specie di illuminazione che consenta loro di capire quale strada intraprendere. Mentre alcuni individui sanno sin da bambini che cosa vogliono fare nella loro vita, altri lo scoprono strada facendo. In altre parole, capirai meglio quali sono le tue attitudini e qual è il lavoro più adatto a te, mettendoti alla prova piuttosto che rinchiudendoti nella tua camera a pensare. Questo può voler dire accettare un lavoro che ti piaccia abbastanza, anche se non sei sicuro che sia la tua vocazione. E se vieni da un lungo periodo di inattività, in alcuni casi, accettare un lavoro qualsiasi può essere un modo per rientrare nel mercato del lavoro.

Vera aspirazione o desiderio di fuggire dalla realtà?
Chiediti se nel tuo desiderio di intraprendere certe strade, la tua motivazione principale non sia quella sfuggire alla tua situazione attuale. Non sempre incominciare da capo, buttandosi in un progetto completamente diverso, è la soluzione migliore : a volte, si trova la propria strada nella vita, cercando la continuità e imparando a valorizzare le abilità apprese in passato. Inoltre, un progetto, pur essendo buono, può non essere adatto alla fase della vita che si sta vivendo. Mettiamo il caso, per esempio, di una ragazza di 30 anni, laureata e disoccupata che voglia prendersi una seconda laurea. In questo caso, anche se lo studio è la sua passione , iscriversi di nuovo all’università, non è una buona idee perché si troverebbe a 35 anni con due lauree ma nessuna esperienza spendibile nel mondo del lavoro.

Dottoressa Anna Zanon

Il presente articolo ha una valenza di carattere informativo.

Purtroppo, a causa dell'elevato numero di commenti e di lettere che ricevo tutti i giorni, non riesco a rispondere a tutti (come vorrei) e a farlo in tempi brevi. Inoltre le risposte ai commenti sono molto sintetiche, considerata anche la natura pubblica del sito web.

Se desideri avere un aiuto urgente e mirato riguardo le tematiche affrontate ti consiglio di richiedere una Consulenza Psicologica.
Per maggiori informazioni clicca qui.

Copyright © 2011. All Rights Reserved.

By | 2019-12-09T20:23:01+00:00 11 Maggio 2011|Depressione e Disagio Psicologico|26 Comments

26 Comments

  1. VALENTINA 10 Settembre 2011 at 13:21 - Reply

    Salve io sono 1 ragazza di 19 anni, ho proprio questo problema:non voglio crescere, ho infatti avuto tantissime difficoltà ad affrontare la maturità:non volevo prendermi le mie responsabilità e soprattutto mi spaventava il dopo perchè non sapevo cosa avrei fatto dopo.
    Vado da 1 psicoterapeuta da 2 anni, da quando ho iniziato a piangere, il mio rendimento a scuola è sceso, non riuscivo a prendere appunti, a concentrarmi ,a ricordare, ho allontanato tutti da me , anche quelli che all’inizio cercavano di consolarmi perchè li sommergevo coi miei probl aspettando che meli risolvessero.
    Sono sempre stata 1 persona incapace di scegliere ed essere sodisfatta delle proprie scelte, da piccola ero 1bambina aggressiva e rabbiosa di cattivo umore quasi sempre, da adolescente ho avuto 1 disturbo alimentare(sport a gogo e dieta ferreissima), poi ho avuto passinoni temporanee in cui spendevo 1 sacco di energie(pensare solo al trucco poi fare dolci e far la spesa) ma più che passioni le chiamerei “manie”, non mi sono rimaste.non ho mai avuto nessuna passione “razionale” e tendo sempre ad autosvalutarmi ma se è qualcun altro che lo fa mi santo davvero ferita e irritata.
    HO letto ieri sera il suo articolo sull ETERNO ADOLESCENTE” e sul PROCrASTINARE, e mi ha fatto 1 po’ riflettere, mi hanno dato molto spirito quei consigli pratici per evitare di procrastinare, che ho messo in atto da subito e in cui mi riconoscevo(soprattutto nel non essre padroni della proria vita).L’energia e la volontà nel cercare di cambiare mi è arrivata anche dalla frase”avete 30-35 anni e non avete avuto relazioni sentimentali imp, vivete coi genitori e no avete 1 lavoro concreto.?.”ho pensato no, io vorrei vivere e realizzarmi.
    Ma quando penso seriamente all’università da fare a cosa vorrei fare cecando di considerare anche il lavoro e le mie capacità mi viene il panico perchè non riesco a capire realm cosa mi piace, tremo non so, perdo dinuovo la forza e smetto di pensarci.
    HO passato tutta l’estate sui cupon e sui siti a informarmi ma a volte era 1 peso già solo fare quello e non ricordavo nemmeno cosa leggevo

    ho pensato e penso ancora al suicido perchè non so cosa mi piace e mi sento svogliuata.anch io penso che 1 essere umano per sentirsi bene debba sentirsi utile per qualcosa avere 1 scopo, a volte sento di averlo ma a volte ho l’esatto opposto, non mi interessa di nulla e di nessuno, penso solo a mangiare e a dormire , sono apatica verso le vicende altrui e pretendo che gli altri siano empatici con me

  2. VALENTINA 10 Settembre 2011 at 13:31 - Reply

    ho letto anche sui siti il profilo di 1 persona narcisista e mi ritrovo ad avere molti caratteri di questa personalità, spesso faccio cose che so essere errate come rimanere a casa e farsi mantenere senza stud o lavorare ma non mi sento in colpa.a volte mi capita di cambiare, come ieri dove mi prendo le mie respons e comincio a sentire gioia o dolore anche per gli altri, ieri sera dopo forse 2 anni sn riuscita ad uscire con degli amici facendo loro domande,senza sentirmi in competizione senza cercare di ricevere attenzioni ma dandone(e anch io ne ho ricevute), senzasentirmi inferiore o frustrata…ero dell’idea che volevo cecare anch’io (come quasi tuttti)di crescere e divent indip…ma poi niente ritornoo al evitare d pensare al mio futuro per non provare ansia e ritorno all’essere apatica.Ho letto che dal il narcisismo non si può guarire e anche per quello vorrei uccidermi

    • Anna Zanon 11 Settembre 2011 at 18:18 - Reply

      Cara Valentina, vorrei metterti in guardia dal rischio di diagnosi fai da te. Prima di tutto si può sbagliare diagnosi e secondo non bisogna dimenticare che qualsiasi diagnosi è sempre riduttiva e limitante rispetto alla complessità del comportamento umano. Le categorie diagnostiche possono essere orientative ma non spiegano tutto e non predicono il futuro. Nessuno può affermare con assoluta certezza che una persona che ha una determinata diagnosi non guarirà mai e non possa almeno migliorare, soprattutto ad un età cosi giovane come la tua. Alla tua età la personalità è ancora in formazione e la prognosi è migliore rispetto ad età più avanzate.
      Tutta la psicologia si basa sull’ assunto di base che le persone possono migliorare il loro benessere psicologico.
      La vita è imprevedibile e sul benessere psicologico di una persona influiscono tanti fattori che non possono essere previsti: gli incontri che si fanno, le circostanze favorevoli e sfavorevoli, le scelte. Percio coraggio, stai facendo una terapia e vedrai che con il tempo ti aiuterà a guardare la tua situazione con occhi nuovi

      • VALENTINA 11 Settembre 2011 at 21:56 - Reply

        grazie per le sue parole…volevo chiederle se è normale secondo lei che 1 non sappia cosa gli piaccia, che non abbia motivazione reale per scegliere il suo fututro(università o lavoro)…ho capito 1 cosa su di me leggendo i suoi articoli:tendo a vedere solo le cose positive di qualcosa, poi appena la intraprendo trovo tutti i difetti possibili(ho paura di farlo anche con l’università)
        Nonostante io faccia 1 scelta, anche dopo lunga meditazione, indipendentem dalla scelta che ho preso tendo poi a ripiegarmi su quelle che non ho scelto,e questo mi porta anche alla mancanza di convinzione e impegno facendomi vivere tutto male.
        Il probl è che non mi sento motivata a far nulla, non so nemmeno io quali sono le materie che più mi piacciono(anche perchè negli ultimi anni ho avuto difficoltà in quasi tutte)…ho visto anche1 prientatrice, mi ha dato 1 compito da fare (scrivere per ogni professione o corso di laurea tre motivi per cui mi piacciono)ma non riesco a farlo, cioè so cogliere degli aspetti di ciascuno ma non so dire se quegli aspetti mi piacciono o meno.avrebbe qualch consiglio da darmi?grazie

        • VALENTINA 13 Settembre 2011 at 09:56 - Reply

          è come se o meglio il fatto è che non mi sento disposta a fare 1 lavoro per il bene della comunità.io penso che 1 possasentirsi fiero di se quando magari si attiene o cerca di fare del suo meglio per eseguire 1 compito, per mettere in atto 1 disciplina, 1 sapere,per non cadere nei luoghi comuni e avere dei principi moralmente validi.eppure io vivo il lavoro, lo studio,le responsabilità o l’indipendenza dai genitori come 1 peso,vivo tra le nuvole sono sempre distratta non sono consapevole nemmeno dei miei compiti oppure se li so(o penso di saperli) non ho voglia di farli e non mi sento nemmeno in colpa per questo.così è stato per il liceo negli ultimi 2 anni e così è per il mio atteggiamento verso il mondo:non ho mai letto giornali, o seguito realm i telegiornali ,non mi sono mai interessata del mondo o degli altri.
          e la cosa che mi turba è che quando sono così(quasi sempre), mi basta fare anche solo mezza cosa che dovrei fare(o averla fatta senza troppa convinzione)per sentire il bisogno di essere riconosciuta e se qualcuno mi fa 1 critica mi ferisce profondam e nutro sentim di rabbia , frustrazione…

  3. gloria 12 Febbraio 2014 at 12:38 - Reply

    Cara dottoressa,
    la mia è una situazione forse un pò diversa da quella scritta qui,anche se pure io non riesco a trovare la mia strada nella vita…oppure forse mi piace pensarla così,di avere avuto una situazione di vita particolare,per non ammettere che sono io un incapace.
    Sicuramente la mia depressione è una concausa nella difficoltà a trovare un lavoro,ma paradossalmente è anche il fatto che non trovo lavoro che mi provoca depressione..un pò come il gatto che si morde da sola.Ho avuto una gravidanza molto giovane,a 18 anni,e ho fatto appena in tempo a finire il liceo.Appena avuto questo figlio,sono iniziate una serie di catastrofi…e nella mia mente si è instaurata a poco a poco la convinzione che avessi fatto la scelta sbagliata,portando avanti la gravidanza.Io volevo studiare,realizzarmi,essere indipendente ed utile alla società.Invece dopo diverse esperienze negative di lavoro,e la difficoltà enorme nel trovarne uno serio,mi sono anche convinta di essere un incapace.Inoltre ho provato ben due volte ad iscrivermi all’università,ma ho fallito.Ma quello che vorrei dire è che io non mi sento un eterno adolescente,ma bensì mi sento vecchia e stanca…ho perfino paura di cercare un lavoro,o fare un colloquio..tanto sono sempre delusioni…c’è sempre qualcuno migliore di me,oppure faccio appena in tempo ad ambientarmi in un posto,affezionarmi ai colleghi,instaurare amicizie…che il mio contratto scade e non mi viene rinnovato…e sinceramente sono davvero stanca,rassegnata…eppure anche la rassegnazione è una scelta che dovrebbe portare serenità…ma io non lo sono e temo che se forse ora c’è ancora un barlume di speranza che mi tiene in piedi data la mia età,col passar del tempo ho paura di cadere in uno stato più profondo e grave di depressione,pericoloso per me e per i miei cari.Sicuramente c’è un dato oggettivo di difficoltà nella mia vita,questa gravidanza precoce,l’educazione che ho avuto,la bassa autostima,ma è anche vero che non ho nemmeno tutte queste capacità,quindi si uniscono tutte queste cose ed è davvero difficile per me uscire da questa situazione.Faccio anche psicoterapia da diversi anni.Insomma è vero che vivo al sud,che ho problemi economici,ecc. ma appunto per questo non posso aspettarmi,come invece credo che ora io stia facendo,perchè le ho provate tutte,non posso,come anche lei ha detto,aspettarmi che dal cielo arrivi un aiuto…eppure ormai è come se mi fossi quasi impuntata con la vita,con Dio…che per il fatto di aver rinunciato a tutto,a me stessa per questo figlio…io meriti un premio,una ricompensa….so che è sbagliato pensarlo…ma non riesco a togliermi quest’idea ossessiva dalla testa.
    Grazie e a presto cara Dottoressa.

    • Anna Zanon 12 Febbraio 2014 at 21:34 - Reply

      Cara Gloria, la strada che non abbiamo preso nella vita sembra sempre la più facile, la più allettante, l’unica giusta per noi. Ma lo sa quante donne hanno il rimpianto opposto al suo? Di aver sacrificato tutto per la carriera magari rimandando la gravidanza a tempi più favorevoli solo per accorgersi, quando hanno provato a fare un figlio, di non riuscire a rimanere incinte. Nessuno ha una vita perfetta e nessuno riesce ad avere la vita dei suoi desideri.
      Non si lasci prendere la mano dal confronto con altre persone che in apparenza sembrano essere più realizzate di lei. Io credo che il primo passo da fare sia imparare a dare valore a quello che è riuscita a costruire, che non è poco : un matrimonio che dura da tanti anni in cui è vivo l’ affetto e l’intesa sessuale ( che di questi tempi è una rarità), un figlio..
      So che questo non le basta ma se riesce a dare valore alle cose meravigliose che è riuscita a fare, sarà più facile per lei trovare la sua strada.
      Smetta di pensare che la sua vita doveva andare diversamente, che sarebbe stata più felice se avesse fatto l’università, ecc..questo pensiero le ruba solo felicità.
      La sua vita è andata cosi e tra parentesi non è andata poi cosi male ( conosco molte donne anche quarantenni che non sono realizzate nè lavorativamente nè affettivamente)

  4. Rossella 20 Maggio 2017 at 17:22 - Reply

    Gentile Dottoressa,
    mi sono ritrovata a leggere il Suo articolo perché sto vivendo una situazione simile a quella da Lei descritta.
    Ho 29 anni (e mi sento terrorizzata al pensiero che tra poco ne avrò 30), e qualche mese fa il mio compagno mi ha lasciata dopo 8 anni di relazione e 2 e mezzo di convivenza.
    Sento di essere caduta in depressione (non grave, comunque) nel senso che ho perso qualsiasi spinta vitalistica, faccio le cose solo perché devo farle ma senza entusiasmo.
    A volte ho dei momenti di ottimismo, ma durano poco: dopo qualche giorno ricado nell’oblio dei pensieri negativi.
    Vivo nel passato, nei ricordi, nei rimpianti, e nello stesso tempo guardo al futuro con terrore e ansia perché mi sono ritrovata ad affrontare la vita da sola.
    So che in questi anni ho sacrificato molto di me stessa per la coppia: mi sono accontentata della mia stretta cerchia di amicizie senza fare nuove conoscenze, dopo la laurea triennale mi sono adagiata nel negozio di famiglia (dove ormai lavoro da 7 anni), non ho mai fatto qualcosa per me stessa, ma solo per la coppia.
    E adesso mi ritrovo con niente in mano. Solo con tanti rimpianti e con la sensazione di aver sbagliato tutto nella vita.
    Anziché fare progetti per il futuro, ora che sono finalmente libera e posso rendere conto solo a me stessa, mi trascino giorno per giorno senza nessuna voglia di pensare al mio futuro lavorativo.
    Penso che non c’è lavoro, e ciò mi fa venire l’ansia. Vorrei mettermi alla prova in un nuovo lavoro, uscendo dall’ala protettiva dei genitori, ma ho tanta paura di non trovare niente, di essere ormai fuori dai giochi a trent’anni (anche se so di valere e di essere capace in tanti ambiti).
    Non posso pensare di continuare così, in questo limbo, aspettando che accada qualcosa di miracoloso.
    Ma nello stesso tempo non ho la forza vitale per fare progetti concreti, e non ho abbastanza fiducia in me stessa (molta di questa fiducia l’ho persa in questi otto anni di relazione).
    Mi sono rivolta a quattro diversi psicologi per iniziare un percorso di psicoterapia, ma nessuno di questi mi è piaciuto. Quindi ho lasciato perdere anche quel piccolo obiettivo che mi ero prefissata, cioè quello di farmi aiutare per ritrovare la serenità e la gioia di vivere. Non sono in grado di prendere neanche questa decisione. Un giorno sento fortemente il bisogno di un aiuto, penso che da sola non ce la faccio, qualche giorno dopo credo di poter farcela con le mie forze. Un giorno penso che pretendo troppo da me stessa, che è normale che mi senta scombussolata perché la mia vita si è stravolta improvvisamente, e sono passati solo 4 mesi e mezzo da quando ci siamo lasciati. Il giorno dopo mi faccio prendere dall’angoscia e mi dico che non supererò mai questo momento, che cadrò sempre più in depressione senza riuscire a trovare la mia serenità.
    Io vorrei fare un percorso di psicoterapia ma non sono molto motivata, e inoltre penso soprattutto al fattore economico. Vivo da sola, devo pagare affitto, spese, bollette, e 60 euro a settimana sono molti. So che dovrei prenderlo come un investimento, ma non riesco a non pensare alla spesa che comporta. Che consiglio mi può dare?
    Grazie

    • Anna Zanon 21 Maggio 2017 at 10:09 - Reply

      Gentile Rossella, la fine di una relazione importante come una convivenza o un matrimonio comporta sempre un periodo di lutto caratterizzato da tristezza e ripensamenti necessario ad elaborare l’accaduto. Il lutto dura almeno 1 anno ed è caratterizzato da giorni in cui si sta meglio e giorni invece in cui si ripiomba nello sconforto.
      Nel suo caso però oltre al dolore per la fine di un amore, c’è il lutto ben più importante che è quello legato alla possibilità che è venuta a meno di appoggiarsi su qualcuno e ritrovarsi ad affrontare la vita da sola.
      Come lei giustamente intuisce questo può essere un nuovo inizio incerto e faticoso come tutti gli inizi ma anche esaltante. Se tra qualche mese la situazione non migliora, le consiglierei di intraprendere un percorso terapeutico ( esistono anche centri che fanno psicoterapia a prezzi calmierati).
      Nel frattempo le consiglio di leggere “La donna ferita”

  5. Stefano 5 Agosto 2017 at 08:13 - Reply

    Buongiorno. Premetto che ho 31 anni, vivo con mia madre vedova (ho perso il padre a 13 anni), mi sono laureato a pieni voti, ho ottenuto un master, parlo cinque lingue, frequento una palestra e un laboratorio teatrale. Tuttavia, ho alcuni problemi che non riesco a risolvere: 1) Non ho una ragazza: mi sembra di essere invisibile agli occhi delle ragazze, che mi ignorano se ardisco “attaccar bottone”; 2) Non ho un lavoro retribuito: per anni ho inviato migliaia di CV senza ottenere riscontro alcuno, i pochi colloqui che ho avuto modo di sostenere non hanno sortito risultati. Ho consultato alcuni terapisti, i quali imputano la causa di tutto ciò solo ed esclusivamente alla mia persona e al mio modo di fare: non sorrido, sono troppo rigido, mi pongo continuamente ostacoli, mi autoimpongo regole ferree. Costoro si sono limitati a suggerirmi di frequentare un corso di ballo – cosa che ho provato a fare, con risultati deludenti – o addirittura di cambiare città. Alle volte mi capita di vagare con la mente, anche quando sono in pubblico, gesticolando e “mugugnando” senza rendermene conto. A questo punto non so più cosa pensare: mi vedo un futuro nero e senza speranza.

    • Anna Zanon 17 Agosto 2017 at 11:35 - Reply

      Un caso senza speranza no. Non a 31 anni e con tutte le risorse che lei ha ( intelligenza, cultura, sensibilità). Certo che la perdita di un padre a 13 anni è un evento che può influire molto, specie se si ha la pesante eredità di essere figlio unico di una madre precocemente vedova. Può darsi, l’ho visto in situazioni simili alla sua, che lei inconsciamente senta di dover restare figlio e di non diventare pienamente adulto per non abbandonare sua madre che ha solo lei. In questo modo inconsciamente sabota quello che fa in modo da non aver successo.
      Come lei giustamente intuisce, il corso di ballo non è la soluzione. Perché non provare ad intraprendere un percorso di terapia del profondo con un terapeuta di sesso maschile? Si, il sesso del terapeuta in certi casi è una variabile importante

  6. Silvia 19 Ottobre 2017 at 15:40 - Reply

    Buonasera Dottoressa,
    mi riconosco direi abbastanza bene nella descrizione del suo articolo…ho 31 anni e non sono mai riuscita a capire cosa voglio fare nella vita. Tuttavia non sono stata con le mani in mano nel senso che mi sono laureata in lingue e traduzione e ho svolto diversi lavori o stage. Ho cambiato idee continuamente su quel che potevo fare come lavoro, ho lavorato in aziende (sempre brevi periodi meno di 1 anno) e non mi sono sentita portata per il lavoro d’ufficio nonostante sia assolutamente in grado di farlo bene, al momento lavoro nella scuola come insegnante ma ora so che neanche questo è il lavoro giusto per me.
    Le mie passioni sono il canto e ho altri interessi i quali però ho sempre saputo che non potevano diventare una professione (o forse alcune cose potevano diventarlo in passato ma non ci credevo abbastanza e adesso alla mia età di sicuro non sono fattibili). Ora sto pensando di aprire un’attività perché forse ci troverei la motivazione nel fare le cose per un progetto mio. Ma mi trovo davanti difficoltà e dubbi sul cosa sia più fattibile, inoltre il punto principale è che odio la mia città quindi vorrei farlo altrove, però allo stesso tempo altrove sarei sola mentre qui potrei farlo con un’amica (sempre che sia possibile).
    Sono in una relazione da 8 anni e ora siamo in crisi, perché il mio ragazzo sostiene che non si possa più andare avanti così per inerzia visto che alcune cose tra noi non vanno e mi ha accusata anche se ha ammesso che sia stata anche colpa sua di essere passiva e di non essere in grado di mettere tutto in discussione per paura. Ora stiamo mettendo tutto in discussione ma io non so più niente. Gli ho dato ragione e razionalmente è tutto chiaro, ma non so cosa voglio nemmeno con lui. Da sola mi sento ancora più persa, lui era l’unica cosa sicura…Io ce la metterei la grinta e tutto ma non so cosa voglio fare e che direzione prendere quindi di fatto non so più come vivere. Sto andando da una psicoterapeuta da mesi e mi ha aiutato a capire molte cose ma non ancora questo.
    Non so nulla ora, so solo che non voglio continuare con la vita che faccio ora anche se non so nemmeno dove voglio vivere.
    Come posso fare a ritrovarmi?
    Grazie

    • Anna Zanon 27 Ottobre 2017 at 10:24 - Reply

      Il mio consiglio è quello di continuare con il suo percorso di psicoterapia, vedrà che un passo alla volta troverà la strada.

  7. raul 7 Febbraio 2018 at 13:47 - Reply

    Buongiorno dottoressa,
    le scrivo perché come molti mi riconosco in questa descrizione.
    la mia situazione e’ leggermente diversa, in quanto io si che presi decisioni ma forse troppe e mi ritrovo al punto di ricominciare ogni volta.
    Ho 30 anni, all’eta’ di 18 anni, dopo aver lasciato la mia ragazza, presi zaino in spalla e mi trasferii’ a Londra, abbastanza all’improvviso, la mia cittadina mi “stava stretta” e sentivo che avevo troppe energie per rimanere.
    Cercai lavoro senza parlare la lingua e da li a poco passarono 2 anni, lavorai come cameriere, barman e quello che la città’ offriva diciamo.
    Decisi di cambiare posto e perché no imparare una lingua nuova e cosi’ feci, a vent anni mi trasferi( con la mia ragazza francese di quel tempo) nel sud della Francia, la relazione (ovviamente) duro’ poco e rimasi li altri sei mesi lavorando in una cucina e frequentando un corso di francese (per un totale d un anno).
    Tornai in Italia, lavorai un altro annetto, decisi di partire per una stagione come fotografo. Parti e Ritornai.
    Mi fermai una paio d’anni per probemi di salute, mi operarono 3 volte alle ginocchia e in fine decidetti di provare ad iscriverei all’università’, avevo 25/26 anni.
    Resistetti sei mesi e mi misi di nuovo a lavorare, passando da un posto all’altro come sempre d’altronde, in quel periodo avevo una relazione da due anni che decisi di terminare senza un reale motivo. Lasciata la relazione, lasciato l’ennesimo lavoro, parti per un altra stagione, conobbi una persona e partimmo per la Spagna.
    Vivo in Spagna da 3 anni e continuo a non sapere bene dove andare e cosa fare.
    Ho in mente l’idea di riavvicinarmi a casa ma un pò mi spaventa cambiare nuovamente.
    Insomma diciamo che me la sò cavare ma nient’altro. Mi ritrovo in un altra relazione che non funziona e questa volta mi sento veramente in colpa. Mi capita che mi diano dell’egoista ma egoista cerco di non esserlo, semplicemente ho vissuto tante vite e sfuggo dai problemi e dalle complicazioni.
    Sono sulla buona strada perché sto lavorando su me stesso ma continuo ad essere confuso e perso a volte nel mondo.
    Premetto che sono di buona famiglia, ma mia madre soffre di disturbo di accumulo da sempre e non so’ se questo possa avermi influenzato in qualche modo.

    Spero mi potra’ essere d’aiuto.
    Grazie

    • Anna Zanon 16 Febbraio 2018 at 11:02 - Reply

      Chissà se c’è qualche relazione con sua madre che vuole conservare sempre tutto e che teme i cambiamenti e lei, figlio che invece , non riesce a star e fermo in un posto ma deve cominciare sempre da capo? Che cosa le succederebbe se si mettesse radici da qualche parte? C’è qualcosa da cui cerca di fuggire? Io credo che una terapia possa aiutarla a capirsi meglio e a trovare la risposta alle sue domande.

  8. Sara 18 Maggio 2018 at 10:20 - Reply

    Salve, ho 28 anni e mi sto per laureare in veterinaria. Il problema è che a metà percorso, prendendo coscienza del lavoro svolto nelle cliniche veterinarie, mi sono resa conto che appunto questo lavoro non faceva per me. Non ho avuto il coraggio di cambiare strada perché avevo paura di fallire, che intraprendendo un altro percorso universitario non sarei riuscita a portarlo a termine o non mi sarebbe piaciuto. Questo perchè avevo diverse idee in testa su quello che volevo diventare. Ma Restava fermo il fatto che nessuna idea prevaleva sulle altre.Non sono riuscita a scegliere. Perchè in realtà non ho mai saputo cosa fare nella vita. Quindi non c’era un mestiere che mi ha appassionato al punto da cambiare strada. Sono andata avanti perché credevo sarei riuscita a laurearmi in tempo perché mi mancavano pochi esami, ma poi sono andata in grave fuoricorso.Forse sono un’immatura, ma non mi sento un’adolescente. Mi sento molto vecchia. E non me la sento di diventare veterinaria, perché credo che finirò per odiare questo lavoro. Da ciò che Lei ha scritto deduco che ormai non c’è più nulla da fare: è troppo tardi per cambiare strada. Devo finire quello che ho cominciato e accontentarmi di un lavoro che non mi piace. Potrei pensare di spendere la mia laurea diversamente ma, ad esempio, non voglio diventare nemmeno insegnante. Mi sento in colpa per tutto il tempo che ho sprecato. Mi scuso se Le sono sembrata infantile, e mi scuso per gli errori grammaticali commessi. Spero di cuore che mi risponderà.

    • Anna Zanon 25 Maggio 2018 at 10:12 - Reply

      Cara Sara, mi sembra che lei sia molto severa nel giudicare se stessa. A 28 anni non si è certo troppo vecchi per cambiare strada. Io ho due sorelle che hanno preso una seconda laurea in ambito completamente diverso dalla prima e una delle quali ha cambiato tipo di professione alla soglia a 40 anni.
      E’ sempre possibile riciclarsi, certo più passano gli anni più è difficile ma a 28 anni ha ancora tante porte aperte.
      Ha mai pensato di farsi aiutare ad orientarsi professionalmente?

  9. Giancarlo 23 Maggio 2018 at 14:10 - Reply

    Gentile Dottoressa, buongiorno,
    sento di essere un caso più unico che raro e ho difficoltà anche a esporglielo. Ma la situazione in cui mi trovo mi angoscia lasciandomi senza forze. Sono un uomo di 51 anni (solo a scriverlo mi sento male) e non mi sono realizzato in nessun ambito (affettivo, lavorativo, sociale). Laureato molto tardi, non ho messo a frutto quanto studiato. Ho avuto solo poche collaborazioni in ruoli di secondo piano che non mi hanno permesso di affrancarmi dalla mia famiglia, cosa della quale però fino a qualche anno fa non mi rendevo conto. Ciò che ha fatto venire giù tutto il castello di carte che mi ero costruito è stata la fine della relazione con la mia compagna, l’unica che mi avesse spronato realmente a prendere in mano la mia vita. E ora che ci siamo separati mi sento ancora più demoralizzato, proprio per non aver capito l’importanza di questo rapporto. Non so cosa fare perchè ho solo confusione nella mia testa e mi sento totalmente senza stimoli.

    • Anna Zanon 25 Maggio 2018 at 10:15 - Reply

      Caro Giancarlo, chissà se la sua situazione è proprio così disperata come le sembra..
      Cmq le consiglierei di intraprendere un percorso psicologico per cercare di rafforzare la sua autostima e uscire dalla situazione di stallo in cui si trova

  10. Gabriele 19 Maggio 2019 at 18:20 - Reply

    Salve dottoressa,
    Grazie per la sua attenzione. Ho 25 anni, ho studiato in un istituto professionale (lavoro come cameriere dall’età di 18) però non mi sento soddisfatto con quello che sto facendo. Si, ho trovato l’indipendenza economica da subito, e di questo sono fiero, ma sento che non questo non è il percorso che vorrei portare avanti per il resto della vita. Ho lavorato, molto spesso anche all’estero, e mi sono sempre trovato bene, però dal momento che rientro a casa (diciamo che vivo sempre con mia madre per questo motivo) mi sento un po’ malinconico. Faccio mille piani, tornare a studiare, cambiare lavoro ecc, nom riesco mai a settare definitivamente un obbiettivo.

    • Anna Zanon 31 Maggio 2019 at 07:53 - Reply

      Non sempre la consulenza via mail è indicata, nel suo caso sarebbe meglio un colloquio per cercare di capire meglio la sua situazione. Butto lì un ipotesi: è possibile che la sua indecisione nasca da un conflitto interno tra il bisogno di sicurezza e autonomia economica e il bisogno invece di realizzazione professionale, cercando un lavoro più in sintonia con le sue aspirazioni? Lei non fa passi concreti forse perchè c’è una parte di lei che privilegia la sicurezza di uno stipendio fisso ad una strada nuova ma più incerta.

  11. Francesco 24 Novembre 2019 at 15:35 - Reply

    Salve dottoressa, complimenti per il suo lavoro. Ho letto l’articolo con molto interesse, in quanto mi ritrae alla perfezione. Ho 29 anni, laureato con il massimo dei voti in tempi leggermente lunghi e senza troppa esperienza lavorativa alle spalle. Sono sempre stato una persona “pigra”, svogliata e che andasse avanti per inerzia, tutto ciò che faccio lo faccio non al 100% ma “con il freno a mano tirato” incapace di pormi veri obiettivi e perseguirli con impegno e costanza, tantomeno capace di capire realmente cosa possa piacermi. Tempo fa fui assunto come impiegato in una azienda ma mollai tutto dopo 3 mesi perché ero convinto che quel lavoro non facesse per me, non riuscendomi ad impegnare e superare le prime difficoltà, lasciai pur senza avere una reale alternativa. In realtà esiste l’azienda di famiglia dove collaboro saltuariamente, ma non mi ha mai appassionato, la prospettiva di lavorare una vita lì mi terrorizza, la avverto più come una prigione. Il punto è che ho danneggiato me stesso ancor di più. Infatti nel frattempo stavo con una ragazza da un’anno e mezzo, la quale mi ha lasciato, in ultima analisi, a causa della mia continua incapacità di impegnarmi nella mia realizzazione personale e professionale, e di riflesso nell’avanzamento della nostra bellissima storia. Ok trovare lavoro è difficile, ma io non mi impegnavo a tenermelo quando lo avevo né tantomeno a cercarne un altro. Al di là se ci sono altri motivi o meno per cui lei mi ha lasciato, soffro, perché questa è una grande prova che sto danneggiando la mia vita con questo atteggiamento, voglio reagire ma sono ancora più bloccato. Un po’ mi vergogno ad avere di questi “problemi”, quando nel mondo c’è gente infinitamente meno fortunata di me. Grazie mille per aver letto il mio commento, ancora complimenti.

  12. Nicola 20 Gennaio 2020 at 22:21 - Reply

    Non è semplice trovare un lavoro che sia utile per mantenersi, c’è sempre più precariato e sempre meno spazio per gli over 30/35… possiamo fare delle scelte e intraprendere delle strade, ma non possiamo affidarci a quello che offre il mondo del lavoro; per questo a volte si “sogna” una propria strada in autonomia, una vita diversa da quella del dipendente. Non è sempre una scelta, ma una soluzione sperata. Il problema è quando non si sa da dove partire perché a 35 anni non sempre è così scontato partire da zero e si vorrebbe raccogliere qualcosa dopo aver comunque seminato tanto. Il vero problema è la mancanza di fiducia verso il futuro. Grazie.

    • Anna Zanon 16 Febbraio 2020 at 18:14 - Reply

      Purtroppo ha ragione: il mondo del lavoro sta diventando sempre più precario, competitivo ed incerto e questo crea non poche ansie ed insicurezze che poi si ripercuotono in tutti gli aspetti della vita

  13. Debora 31 Marzo 2020 at 05:43 - Reply

    Buongiorno,
    Sono capitata per caso su questo sito o meglio la domanda a Google l ho posta e sono capitata su questo sito…. dunque si .. la.domanda… “perché non ho stimoli a lavoro a 27 anni? ” . È da quando avevo 19 anni che lavoro..ho fatto un tipo di scuola proprio per andare a lavorare subito, volevo la mia indipendenza economica e ho scelto una strada scolastica che poteva permettere questo (e ovviamente anche con un po di fortuna) ho trovato lavoro quasi subito dopo il Diploma. Ora è 3 mesi che convivo. Sto bene. Con il compagno e al momento con la nostra vita di coppia (è solo l inizio .. dicono che il ‘ ‘bello’ della coppia viene dopo, ma non mi preoccupa questo !! Mi piacerebbe vedere come va e magari avere anche un piccolo pupo da accudire… vedremo più avanti). Tornando al mio ‘problema’ … avrei voglia di fare altro nella vita lavorativa… qualsiasi cosa che riguardi l ambito artistico/musicale.. sento che potrei dedicarmi ore a questo a starei benissimo ! Perché (ho dimenticato di dirlo) quando (per hobby) faccio queste attività è come se andasse tutto bene , senza pensieri, senza problemi / preoccupazioni nella vita e nel lavoro… ed è una sensazione bellissima !! (Spero che qualcuno l abbia provata almeno una volta così ha capito di cosa parlo). Detto questo… la mia domanda appunto è: va tutto bene così? Potrei fare di più? Quella parte di me che mi dice di seguire i miei hobby, perché non ci do piu considerazione?? Ok… forse non era solo una domanda… a dir la verità non sarebbero neanche tutte queste le domande da fare.. ce ne sarebbero !!! Ma in fondo forse qualche risposta è meglio non averla… e cercarla con calma vivendo… Grazie per una sua risposta !! Debora

    • Anna Zanon 6 Aprile 2020 at 17:06 - Reply

      Cara Debora, io credo che lei abbia fatto una scelta professionale in base a quella che era il suo bisogno più importante all’ epoca: diventare autonoma prima possibile e poter quindi farsi una famiglia. Nel fare questa scelta ha messo in secondo piano la sua parte creativa, coltivandola però con degli hobbies. Per tornare alla sua domanda: è molto bello quando si riesce a trovare un lavoro che soddisfi sia le esigenze economiche ma anche che piaccia e gratifichi la sua parte creativa. Non sempre però è possibile. E’ possibile integrare le sue due esigenze cioè il bisogno di sicurezza economica che le consentirebbe di diventare mamma e il bisogno di esprimere se stessa in modo creativo? Io credo di sì, sono due esigenze importanti che vanno coltivate ma il modo può deciderlo solo lei. E’ lei a capire se i suoi hobbies musicali possono darle quel genere di indipendenza economica che per lei mi sembra una motivazione primaria o se rimarranno delle passioni o ancora se riuscirà a mettere la creatività anche nel so lavoro

Leave A Comment