Notizie : La felicità è contagiosa

 La gioia comincia da te  

Vi è mai capitato di sentirvi bene e contenti solo stando accanto a una persona felice e sorridente? Sappiate che la vostra non è solo un’impressione, ma una reazione psicologica e fisiologica dotata di solide basi scientifiche.

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista “British Medical Journal” ha stabilito con una relazione matematica che la felicità è contagiosa e, proprio come un virus, è tanto più probabile essere felici quanto più si sta vicini a persone gioiose e serene.

Meno metri ci separano da un nostro amico felice tanto più sarà probabile che ci sentiremo felici anche noi.

A mettere a punto questa teoria della felicità sono stati due scienziati anglosassoni, Nicholas Christakis della Medical School di Harvard e James Fowler, sociologo dell’Università della California (San Diego).

Dai calcoli degli studiosi risulta che la probabilità d’essere felici aumenta del 42% se si vive a meno di un chilometro di distanza da un amico felice e del 22% se si vive a meno di tre chilometri di lontananza.

Ovviamente nella realtà tutto è meno scontato e schematico, ma la relazione matematica balza certamente agli occhi. Questa formula numerica è stata formulata e riassunta in un grafico dopo aver esaminato il grado di felicità di oltre cinquemila persone tra i 21 e i 70 anni. Ad ogni persona corrispondevano dei puntini colorati e la distanza fisica che le separava era rappresentata da linee: collegando tra loro questi due elementi grafici è stato possibile disegnare il “diagramma della felicità”.
Nella ricerca si sono tenuti nel giusto conto alcuni importanti parametri discriminanti, come il contesto sociale in cui vivevano gli individui del campione, le loro relazioni di parentela e i loro rapporti di amicizia o di lavoro.
L’interpretazione del grafico emerso dallo studio dimostra che il “contagio da felicità” avviene tra chi è fisicamente più vicino, ma questo non vale nel caso di vicinanze virtuali, come le amicizie nate in rete e tenute in piedi tramite chat line e messaggi e-mail.
Pian piano, tuttavia, si scopre che i numeri lasciano spazio anche ad altre considerazioni: l’epidemia di felicità non si verifica tra colleghi di lavoro e, come ammettono gli stessi ricercatori, il grado di contentezza trasmessa alle persone vicine dipende dalla qualità delle interazioni sociali presenti tra loro ( piu’ sono strette, piu’  il “contagio “della felicità è forte).
Il meccanismo fisiologico chiamato in causa per spiegare i risultati dello studio è quello dei neuroni specchio, che sono particolari cellule nervose della corteccia ventrale premotoria che hanno un ruolo chiave nella percezione dell’emozioni altrui.
La morale: sorridi e renderai felici le persone intorno a te.

Il presente articolo ha una valenza di carattere informativo.

Purtroppo, a causa dell'elevato numero di commenti e di lettere che ricevo tutti i giorni, non riesco a rispondere a tutti (come vorrei) e a farlo in tempi brevi. Inoltre le risposte ai commenti sono molto sintetiche, considerata anche la natura pubblica del sito web.

Se desideri avere un aiuto urgente e mirato riguardo le tematiche affrontate ti consiglio di richiedere una Consulenza Psicologica.
Per maggiori informazioni clicca qui.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.

By | 2013-01-31T10:52:10+00:00 31 gennaio 2013|Narcisismo|0 Comments

Leave A Comment