Il lato nascosto del narcisista: fragilità e dipendenza

Ma i narcisisti soffrono? Tutto quello che un narcisista non vi dirà mai.

Vincenti, sicuri  e autosufficienti , così si presentano agli altri i narcisisti.
Nelle relazioni interpersonali i narcisi sembrano essere inaccessibili, mostrano di non aver bisogno di niente e di nessuno e trattano i loro partner come se potessero prenderli o lasciarli con estrema facilità.
La compagna di un narcisista (uso il femminile perché la combinazione narcisista uomo/ dipendente affettiva donna è più comune che nel caso inverso)  si sente perennemente insicura dell’ affetto del partner ed è convinta di essere il membro fragile e bisognoso  della coppia.
Ma dietro all’apparente sicurezza che il narciso ostenta si nasconde una grande vulnerabilità insospettabile persino alle persone che gli stanno più vicino.

L’immagine brillante del narciso cela un bambino ferito e sperduto.

Tutto quello che un narciso non vuole che tu sappia
In questo articolo proverò a descrivere alcuni pensieri e emozioni che un tipico narcisista potrebbe provare verso la sua compagna sotto forma di una lettera immaginaria. La lettera che un narciso non scriverebbe mai. Alcune frasi che ho scritto in un questa letterale hanno pronunciate dei narcisi che mi hanno chiesto una consulenza per superare una separazione da una partner che avevano bistrattato e di cui non erano innamorati.. Separazione che però aveva causato una profonda ferita narcisistica.

“Ho bisogno di te
Ti faccio capire che non sei importante e ti tratto come se tu non contassi nulla. Anzi, mi comporto come se stare con te fosse un favore che ti faccio e ti lascio credere che potrei trovare di “meglio” in qualsiasi momento e aspirare ad una donna più giovane, più bella, più ricca, più carismatica, più.. Ti dico che non voglio una storia, che voglio essere libero, che sto bene da solo, facendoti sentire quella sbagliata e quella dipendente perchè io invece potrei andarmene quando voglio ( e invece continuo a tornare da te).
Invece anche se non ti amo ho bisogno di te, un grandissimo bisogno di te.
Ho bisogno dell’ammirazione e si.. dell’adorazione che leggo nel tuo sguardo, ho bisogno di sapere che per te sono così importante al punto di tollerare i miei maltrattamenti. Ho bisogno di avere qualcuno che mi riaccoglie e mi perdona incondizionatamente, ho bisogno di avere un porto sicuro a cui tornare per riposarmi e leccare le ferite. Ho bisogno di te perchè aiuti la mia immagine, perchè impressioni i miei amici quando usciamo insieme oppure favorisci la mia carriera. Ho bisogno di te perchè non tollero la solitudine, malgrado ti lasci credere il contrario nè il contatto con il mio mondo interno e con le mie emozioni che mi spaventano. Ho bisogno di te e ti odio per questo.

Ti rendo insicura per sentirmi più sicuro
Non ti dico che ti amo e ti faccio ben pochi complimenti. Invece non ti risparmio le critiche anche scherzose. Ti faccio sentire che sei inadeguata, un ripiego per me . Saresti sorpresa nel sapere che fa tutto parte di una strategia calcolata per avere più potere nella relazione. Ti rendo insicura così accetterai tutto quello che voglio per non perdermi e mi darai di più. Tutti sanno che in amore il più forte è chi ama di meno. Ma c’è un altra ragione per cui io ti tratto così : non mi fido di te ( né di nessun altro essere umano) e ho paura che se tu sapessi quanto sei importante mi terresti in pugno e mi domineresti. Mi comporto in modo distaccato per difendermi dalla paura di te. Perchè io ti temo, ti temo moltissimo.

Hai molto potere su di me
Mi comporto come se la nostra relazione non fosse importante e come se fossi indifferente all’eventualità che tu possa stare con me oppure lasciarmi.. almeno questo è quello che voglio lasciarti credere e forse riesco a crederlo persino io. Quante volte quando mi facevi una piccola richiesta che non avevo voglia di soddisfare, ti dicevo :” Sono fatto così prendere o lasciare?”. In realtà è un bluff perchè so benissimo che sei troppo dipendente e innamorata per lasciarmi e so bene che tenendoti sulla corda rinuncerai ai tuoi bisogni per venire incontro ai miei.
Ma anche se non mi importa dei tuoi bisogni, mi importano molto le tue reazioni nei miei confronti. Se non rispondi ad un mio messaggio anche se io sparisco per dei giorni, se non ti metti in tiro quando ci vediamo, se non acconsenti ad ogni mio desiderio, in altre parole se non mi dai tutte le infinite conferme di cui ho bisogno vado in una crisi profondissima. Non sto scherzando, la mia autostima si regge sulle conferme esterne. Se nessuno mi guarda con ammirazione sento di non valere o forse di non esistere.
Anche se tu non lo sai, hai il potere di ferirmi e di umiliarmi profondamente. Cerco di sembrare forte ma basta davvero poco per farmi un fallito: basta rispondere ad un mio messaggio con ore di ritardo o non restituire una telefonata ( ho rotto amicizie e relazioni per meno)
E se tu mi lasciassi cogliendomi in contropiede ( l’avrei fatto io a breve) sarebbe un grandissimo smacco per la mia autostima, soprattutto se hai preferito un altro uomo a me. Se sono in un periodo di fragilità perchè le cose non mi stanno andando come voglio e non riesco a trovare subito un altra potrei anche andare in depressione.

Chi ami quando dici di amarmi?
Tu dici di amarmi ma cosa ami in me? Ami l’uomo forte e sicuro che rappresento al lavoro, l’amico divertente che so essere in compagnia oppure l’amante prestante che sono con te? Sei innamorata della mia maschera ma non sai chi sono in realtà e neppure io lo so. Perchè la mia immagine così accattivante nasconde il vuoto, non c’è nessuno dietro alla maschera e tu non lo capisci. Anzi, dici di amarmi ma vuoi cambiarmi, speri di intrappolarmi in una relazione stabile, vuoi domarmi, castrarmi e trasformarmi in un fidanzato perfetto ma io non sarò mai il tuo cagnolino.

Non ti illudere: non sarò mai tuo
E’ vero, quando ci siamo conosciuti ti ho promesso la luna e un po’ ci credevo anch’io perchè era bello crederci.
Ma dopo la conquista, tutto il resto è noia. Tutto diventa già fatto, già visto, entra in uno schema ripetitivo ( la pizza, il cinema, l’ Ikea, fare l’amore sempre con la stessa donna).Eppure non ti lascerò, starò con te fintanto che soddisferai i miei bisogni senza chiedermi niente ma nel momento stesso in cui mi chiederai qualcosa o semplicemente quando incontrerò qualcuna che mi soddisfa più di te, allora finirà. Ti lascerò con distacco e non penserò più a te ( anche se potrei ripescarti nel caso mi andasse male con la nuova relazione) e sarà come se tu non fossi mai esistita.


Il presente articolo ha una valenza di carattere informativo.

Purtroppo, a causa dell'elevato numero di commenti e di lettere che ricevo tutti i giorni, non riesco a rispondere a tutti (come vorrei) e a farlo in tempi brevi. Inoltre le risposte ai commenti sono molto sintetiche, considerata anche la natura pubblica del sito web.

Se desideri avere un aiuto urgente e mirato riguardo le tematiche affrontate ti consiglio di richiedere una Consulenza Psicologica.
Per maggiori informazioni clicca qui.

Copyright © 2019. All Rights Reserved.

By | 2019-12-06T11:10:13+00:00 6 Dicembre 2019|Amore e disamore, Narcisismo|7 Comments

7 Comments

  1. ale 6 Dicembre 2019 at 19:08 - Reply

    gentile dottoressa posso raccontargli la mia storia

    • Anna Zanon 20 Dicembre 2019 at 09:55 - Reply

      Ma certo, anzi la ringrazio. Le storie condivise forniscono a tutti utili spunti di riflessione

  2. ale 26 Dicembre 2019 at 20:24 - Reply

    mi vergogno gentilissima dottoressa ad esporgli la mia storia per quanto sia assurda, ma è autentica. sono una giovane donna di 33 anni. ho avuto a che fare con un narcisista psicopatico cover maligno perverso per ventanni. lo conobbi a 13 anni, siamo coetanei. mi fece tre settimane di love bombing con promesse di matrimonio, figli e regali e futuro insieme dopo solo una settimana, dopo 2 giorni mi diceva ti amo, sei troppo per me e mi esibiva come un trofeo. io figlia di narcisisti psicopatici, tutta famiglia narcisista e sindrome da crocerossina, coodipendente affettiva che aveva subito abbandono materno a 9 anni dalla mamma, e mi dovetti prendere cura di mio padre covert da sempre. gia dai primi segnali capii che non mi quadrava tutta sta fretta, di venire a vivere con me, ecc…io ero, benestante, bella, piacente, posizionata e famiglia appetibile. lui appesantito, bruttino, trascurato e disoccupato nullafacente. per ventanni mi fece: trattamenti del silenzio, bugie, menzogne, tradimento con scarto a san valentino io con febbre, mi spillava soldi, chiamate, benzina, regali. dopo 3 settimane si raffredò. iniziò la svalutazione, puntuale come da manuale. iniziò a farmi presente che ero troppo: vecchia, bionda, grassa, e che ai suoi non piacevo. mi fece terra bruciata intorno, mi isolò. mi fece 4 campagne diffamatorie con scimmie volanti. quando mi allontavo, mi facevo una vita, se ne accorgeva, e mi ripescava con promesse di cambiamento. mi tolse diversi pretendenti. cercò di mettermi contro i familiari. mi infangò. mi scartava e riprendeva quando e come voleva e quando lo decideva a suo piacimento. io ero come drogata, assorta, presa da un maleficio che non riuscivo a spezzare. lui era il mio carnefice, come mio padre, e io, avevo bisogno della mia dose quotidiana di abusi psicologici pepetrati da lui. mi forniva una triangolazione continua con ex, madre, sorelle, zie, ecc…amichette, ecc…aveva un harem su internet di ragazzine minorenni a cui mi paragonava. ero diventata quasi una prostituta. per compiacerlo. se mi consente vorrei inoltre porgli un frasario al quale mi sottoponeva, ma prima la ringrazio per l infinita pazienza, io la reputo la migliore in italia in campo narcisistico, mi ha aperto un mondo, la leggo ogni giorno e non smetto mai. ecco il finale della mia storia: SI SPOSò IL GIORNO DEL MIO ANNIVERSARIO CON UNA RAGAZZINA CHE PORTA IL MIO NOME, DOPO UN MESE CHE LA CONOBBE, E GLI FECE PARTORIRE CON IL CESAREO IL PRIMO FIGLIO IL GIORNO DEL MIO 30 COMPLEANNO, TATUANDOSI SUL BRACCIO IL NOSTRO NOME. IO SONO IN NO CONTACT DA 3 ANNI QUASI, NON VOGLIO PIU SAPERNE NULLA DI CODESTO ESSERE MALEDETTO. L UNICA MIA FOBIA, è UN SUO RITORNO, DATO CHE RITORNAVA SEMPRE PUNTUALE. VIVO NEL TERRORE PER ME E PER I MIEI FAMILIARI. A LEI LA PAROLA DOTTORESSA, LE LASCIO LIBERO ARBITRIO

    • Anna Zanon 29 Dicembre 2019 at 21:01 - Reply

      Cara Ale, mi dispiace molto per tutte le umiliazioni che ha subito ma penso anche che abbia avuto la capacità di dare un nome a queste tremende esperienze e di capire quello che le è successo. Leggo inespressa tra le righe la paura di ” ricaderci” nel caso lui dovesse ripresentarsi quasi non fosse sicura della sua capacità di poter dire di no. Le consiglierei, se già non l’ha fatto, di farsi aiutare perchè certe storie di ” ordinaria violenza” lasciano cicatrici in profondità e a 33 anni ha già sofferto abbastanza e deve guardare avanti e non indietro al suo passato pieno di traumi

  3. ale 30 Dicembre 2019 at 20:08 - Reply

    egregia dottoressa la ringrazio infinitamente per avermi risposto dato che la reputo la numero uno in italia sul narcisismo maligno perverso e non smetto mai di leggere il suo blog da anni. lei è preziosa per me. vorrei dirle che io temo solo ritorsioni ed un ritorno da questo mio ex, e temo l incolumità mia e dei miei familiari, temo per chi mi sta vicino dato il soggetto squilibrato. per il resto non ricadrei mai in errore, puo metterci la firma. ho gia dato e anche troppo. non sono ne in dissonanza cognitiva, ne in sindrome di stoccolma. sto curando la mia dipendenza affettiva. riconosco di essere stata una coodipendente e di aver replicato con codesto uomo, i comportamenti ricevuti e assorbiti in famiglia da bambina. le ripeto dottoressa che l unica mia paura è un suo ritorno perchè non saprei a chi rivolgermi per essere tutelata. tutto qui. non ci penso neanche di tornarci. infatti volevo sapere da lei cosa ne pensa di tutta la storia, pareri, se può dirmi qualcosa in proposito. come vede tutta la storia, qualsiasi cosa. io mi vergogno a raccontarla. molti non credono. aggiungo che SI SPOSò AD UN MESE DALLA MIA ROTTURA, credo lei sia sconcertata. se mi permette vorrei anche riportagli come gli dicevo alcune sue frasi

    • Anna Zanon 2 Gennaio 2020 at 13:44 - Reply

      Buongiorno, la ringrazio per i complimenti. Trovo molto difficile darle un opinione non sapendo quanto sia disturbato il suo ex. Cioè narcisista maligno, ok ma quanto maligno? Anche all’interno della stessa diagnosi ci sono vari livelli di gravità. Se è passato del tempo dalla rottura e lui non ha mai ricercato un contatto con lei, io non mi preoccuperei troppo. Ho visto altre situazioni simili in cui il narcista maligno ( uomo o donna che sia) abbandonava definitivamente il partner dopo una serie infinita di abbandoni e ritorni.
      Se dovesse tornare in modo insistente, le consiglierei di rivolgersi ad un centro per la violenza sulle donne per farsi consigliare. Nel frattempo non mi preoccuperei troppo

  4. ale 2 Gennaio 2020 at 15:02 - Reply

    grazie mille per la risposta mia cara dottoressa. la reputo una persona molto garbata ed in gamba a livello umano oltre che molto disponibile. finalmente una che capisce il problema. spero vivamente che non mi ricerchi mai piu e ne sia completamente fuori. non so se sia borderline o antisociale, psicopatico maligno perverso. vorrei riportarle alcune frasi celebri pronunciate da lui nel corso di questi ventanni di manipolazioni narcisistiche, magari a qualcuno potrebbero servire, ma anche a lei per capire meglio:
    LUI= MORIRAI DI QUANTE TE NE MANDANO TUTTE QUELLE CHE MI VENGONO DIETRO
    LUI= TI HO TRADITO E NON MI IMPORTA NIENTE DEL TUO PERDONO, LO RIFAREI ADESSO
    LUI= IO NE HO TANTE, IO SARò SEMPRE FIDANZATO, IO MI INNAMORO DI CONTINUO
    LUI= OGNI TANTO LA DEVO CAMBIARE LA TIPA SE NO MI ANNOIO
    LUI= COSA NE VUOI SAPERE TU SEI DONNA, TU SEI UNA DONNA
    LUI= PER ME POSSIAMO VEDERCI TANTO LEI NON CE E SECONDO ME LEI FA LO STESSO CON ME
    LUI= IO LA TRADISCO PERCHE SECONDOME LEI FA LO STESSO CON ME NON MI FIDO
    LUI= QUELLE CHE MI CORRONO DIETRO TI AUMENTANO LA MORTALITà
    LUI= IO SONO COSI, O SI FA COME DICO IO O NIENTE, FAI COME TI DICO io; DIGLI COME TI DICO IO
    LUI= ANCORA AI TUOI PENSI, CHE ME NE FREGA DEI MIEI GENITORI, COMANDO IO NON I MIEI
    LUI= UNA MIA EX PIANGEVA PER TE, L ALTRA MI FACEVA LE POSTE SOTTO CASA, UN ALTRA MI SEGUIVA DAPPERTUTTO
    inoltre aggiungo:
    MISOGINO
    GAY LATENTE
    TIRCHIO
    SPILORCIO
    RAPPORTO MORBOSO CON LA MADRE
    COVERT APPESANTITO TRASANDATO E SENZA POSIZIONE ECONOMICA
    MI SPILLAVA SOLDI E DENARO
    MI TRIANGOLAVA PERFINO CON UN GAY E MIA SORELLA
    NEL LOVE BOMBING DOPO 3 GIORNI: mi vuoi sposare, vieni a vivere con me, dimmi quanto mi ami, nessuno crede che stai con me, tutti si domandano come stai con uno come me, dicono che sei troppo per me, faremo un futuro insieme vedrai, vengo li, scappiamo insieme
    dopo 3 settimane se gli domandavano il mio nome non si ricordava neppure come mi chiamavo

Leave A Comment