Come prevenire la depressione

 E’ possibile prevenire la considetta ” depressione endogena?” .
 Per rispondere a questa domanda, proviamo a considerare quali sono i fattori scatenanti della depressione.
La depressione, come tutte le forme di sofferenza psichica, non ha una sola causa ma dipende da una serie di cause che interagiscono fra loro in modo sinergico: una predisposizione genetica alla depressione, una storia personale difficile segnata da lutti o da un ambiente familiare freddo e poco amorevole, eventi di vita stressanti, una bassa autostima.. tanto per citarne alcuni.
Purtroppo su molti fattori non è possibile intervenire per ovvi motivi ma la depressione è anche innescata da fattori cognitivi sui quali fortunamente si può agire.
Quasi tutti i depressi condividono una  una visione negativa  di sè stessi, degli altri, della realtà, e un modo di agire e di pensare che incrementa la depressione.
Le ricerche psicologiche hanno evidenziato come pensieri ed emozioni si influenzino a vicenda: è vero che uno stato d’animo di tristezza tende ad evocare pensieri tristi ma è anche vero che rimugginare tutto il giorno su pensieri tristi peggiora la depressione.  
In conclusione: imparare a pensare e ad agire meglio può aiutare a sentirsi meglio!  

 Alcuni consigli per prevenire la depressione.

1) Stop all’autocritica
Le persone con tendenze depressive sono molto critiche verso se stesse e tendono ad avere aspettative irrealistiche su come dovrebbero essere e su quello che dovrebbero fare.
E’ proprio il confronto con le loro aspettative eccessive a farli sentire sempre inadeguati, mediocri, falliti. 
In tutte le persone depresse c’è una sorta di tribunale interno che li critica in continuazione, non perdonando il più piccolo errore. 
Molti depressi hanno avuto infatti un genitore perfezionista, mai contento di loro e hanno interiorizzato questo aspetto critico per cui sentono di non essere mai abbastanza e di non fare mai abbastanza bene.
Il primo passo per ridurre la tendenza alla depressione è quella di diventare consapevoli del proprio tribunale interno, prendendone le distanze. 
Detto in altri termini, bisogna imparare a non criticarsi e a non sminuirsi.
Se per esempio, viene un pensiero negativo tipo: ” Sei debole,stupido e mediocre”  oppure” Sei un fallito, non combinerai niente di buono nella vita” non dare troppo peso a questi pensieri ma cercare di ignorarli, rendendosi conto che non sono la verità ultima su noi stessi. 
Bisogna ricordare che il sentirsi dei falliti non è che l’espressione del desiderio impossibile di essere  perfetti.  
Imparare a nutrire delle aspettative più realistiche su se stessi, tollerando di  talvolta poter sbagliare è  un importante traguardo nella lotta contro la depressione. 

2) Impara ad essere assertivo
I rapporti interpersonali poco soddisfacenti sono una delle cause scatenanti della depressione.
A causa di esperienze negative avute nella loro storia passata, le persone con aspetti caratteriali di tipo depressivo tendono a sentirsi poco interessanti e poco amabili e nella relazione con gli altri sentono di poter essere apprezzati solo se sono perfetti.
Di conseguenza per ottenere l’ affetto e l’approvazione degli altri sacrificano i loro bisogni per adeguarsi alle aspettative che gli altri hanno su di loro. 
Abbiamo cosi la madre perfetta che ha tempo per tutti tranne che per sè, il figlio modello che sacrifica le proprie ambizioni personali per diventare quello  che i genitori vorrebbero che lui fosse, l’impiegato zelante che rinuncia alla propria vita privata per il lavoro con la speranza di essere apprezzato dai propri colleghi, ecc.  
Tuttavia questo modo di relazionarsi agli altri poco autentico ed eccessivamente compiacente difficilmente permette di costruire delle relazioni sane e gratificanti. 
Quando le persone  con tendenze depressive non ottengono dagli altri l’approvazione e il riconoscimento desiderato,  subentra il rancore. 
La delusione per aver dato tutto e ricevuto poco è enorme ma dal momento che ci si sente in colpa nel provare astio verso una persona a cui si vuole bene, le persone con tendenze depressive tendono ad incolparsi per l’insuccesso della relazione, rivolgendo verso di sè la rabbia provata verso l’altro. 
Per esempio, una ragazza con tendenze depressive che viene ripetutamente tradita dal fidanzato penserà che le infedeltà di lui  dipendano dal fatto che lei non è abbastanza seducente e femminile.
Per superare la depressione derivante da relazioni interpersonali insoddisfacenti bisogna imparare a porsi con gli altri in modo più autentico, dando  loro dei limiti , esplicitando le proprie aspettative senza avere paura di una sana litigata.

3) Chiediti se stai vivendo la tua vita
La depressione è il segnale  che non siamo in armonia con i nostri bisogni e desideri più profondi. Alcuni studiosi della depressione affermano che le persone depresse tendono a non vivere la vita che vorrebbero ma a vivere seguendo gli standard di un “altro dominante”  ( solitamente un genitore). 
Per esempio, la  donna in carriera che sacrifica la sua femminilità per realizzare le ambizioni paterne e che diventa il figlio maschio che suo padre avrebbe tanto desiderato.
Chi ha delle tendenze depressive dovrebbe imparare ad ascoltarsi e a chiedersi se sta realizzando i suoi sogni, se sta annullando delle parti importanti di sè per piacere agli altri, se è  questa la direzione che vuole far prendere alla propria esistenza

 4) Adotta uno stile di vita sano
Le ricerche sulla depressione hanno evidenziato come uno stile di vita regolare e una routine giornaliera fatta di buone abitudini possa aiutare ad elevare il tono dell’umore.
Al contrario uno stile di vita sgregolato , insufficienti ore di sonno, un alimentazione non adeguata possono contribuire ad aggravare il disagio depressivo.
Alcuni fattori si sono dimostrati particolarmente importanti per il benessere psicologico: l’ esposizione alla luce solare anche d’inverno, svolgere una regolare attività fisica ( basta anche una bella camminata a passo sostenuto tutti i giorni), un alimentazione ricca di nutrienti, il consumo di pesce tre volte alla settimana ( o in alternativa assumere degli integratori di olio di pesce).
5) Non lamentarti: focalizzati sugli aspetti positivi della tua vita
Le persone con tendenze depressive sono portate a focalizzarsi in prevalenza su quello che manca nelle loro esistenze, sui dispiaceri presenti, passati e futuri e  sulla mancanza di rispetto e considerazione che gli altri hanno verso di loro invece di concentrarsi sulle loro risorse e possibilità. E’ superfluo dire che questo modo di pensare alimenta ulteriormente la depressione.  
Per questa ragione si consiglia ai depressi di non lamentarsi: non solo il lamento appesantisce le relazioni interpersonali, rendendole pesanti e sterili ma  parlando in continuazione dei propri problemi  si rischia di identificarsi nel ruolo di vittima senza risorse dimenticando le proprie capacità e tutto quello che c’è di bello nella propria vita.
Questo non significa far finta di essere felici quando si è tristi, (poche cose incrementano la depressione quanto l’aspettativa impossibile di essere sempre felici in ogni situazione) ma significa vivere il dolore senza aggrapparsene e senza identificarsi con le proprie sofferenze.          
Per prevenire la depressione bisogna imparare a scoprire  ogni giorno che cosa ci può dare gioia e  cercare  regolarmente di coltivare quanto c’è di bello e di positivo nella nostra esistenza. 
Trovare un hobby, fare delle cose che piacciono, scoprire la creatività, imparare a prendere le situazioni con un pizzico di senso dell’umorismo è un potente aiuto contro la depressione.
 
Il presente articolo ha una valenza di carattere informativo.

Purtroppo, a causa dell'elevato numero di commenti e di lettere che ricevo tutti i giorni, non riesco a rispondere a tutti (come vorrei) e a farlo in tempi brevi. Inoltre le risposte ai commenti sono molto sintetiche, considerata anche la natura pubblica del sito web.

Se desideri avere un aiuto urgente e mirato riguardo le tematiche affrontate ti consiglio di richiedere una Consulenza Psicologica.
Per maggiori informazioni clicca qui.

Copyright © 2012. All Rights Reserved.

By | 2012-03-20T13:45:40+00:00 20 marzo 2012|Depressione e Disagio Psicologico|0 Comments

Leave A Comment